martedì, Novembre 29, 2022
Google search engine
HomeCulturaMonti Martani, “gruppo degli otto” verso la costituzione di un’ATS

Monti Martani, “gruppo degli otto” verso la costituzione di un’ATS

Ad un anno di distanza dalla sottoscrizione simbolica della Carta dello Scoppio, nel paese abbandonato sulle montagne di Acquasparta, non solo gli otto Comuni dei Monti Martani (Terni, Spoleto, San Gemini, Acquasparta, Castel Ritaldi, Massa Martana, Gualdo Cattaneo e Giano dell’Umbria) hanno aderito formalmente e con delibera ai principi etici della Carta stessa, ma sono pronti a individuare a livello giuridico una forma associativa, che potrebbe essere una ATS, un’Associazione Temporanea di Scopo, per dare gambe e finanziamenti alle idee e ai progetti di valorizzazione dell’area montana, con la collaborazione di tutte le associazioni del territorio, dei privati che vorranno aderire e di Sviluppumbria”.
Ieri si è tenuta una nuova riunione del “gruppo degli 8”, significativamente proprio a Cesi, il paese sulle estreme propaggini meridionali dei Martani che, grazie al progetto del Comune di Terni si è aggiudicato i finanziamenti della Linea A del bando borghi del Ministero della Cultura. Un bando che – sul versante Nord dei Martani, ha premiato anche, nella Linea B, il progetto del Comune di Massa Martana.
Alla riunione, oltre agli amministratori locali degli otto Comuni, hanno preso parte l’amministratore unico di Sviluppumbria Michela Sciurpa e il funzionario Mauro Marini.
L’intento degli otto Comuni, che insieme rappresentano un territorio di 172mila abitanti centrale per la Regione Umbria, è di andare avanti con un nuovo progetto di rete che parta dal coinvolgimento dei Comuni stessi e di tutti coloro che a diverso titolo già operano, o intendono operare nel territorio montano, oltre che con il supporto di esperti nei vari settori che sono stati individuati”.
Per questo gli otto Comuni organizzeranno, ciascuno per le proprie competenze, altrettanti tavoli tematici: Cultura – Storia – Archeologia – valorizzazione dei Beni culturali – Arte; Sport outdoor – sentieristica e cammini; Ambiente – biodiversità e paesaggio;  Attività produttive e servizi ricettivi; Comunicazione/Marketing territoriale – Eventi;  Antropologia – identità; le Acque, il termalismo;  Enogastronomia, olio e prodotti tipici.
Acquisito il sostegno tecnico di Sviluppumbria, tra gli obiettivi prioritari delineati e condivisi nella riunione di ieri ci sono lo sviluppo di progetti per partecipare ai prossimi bandi relativi in particolare al turismo lento, la verifica della sentieristica, la messa a punto di una comunicazione coordinata, la formazione degli stakeholder e degli operatori economici e del turismo, un rapporto diretto con la Regione Umbria in vista soprattutto della programmazione del prossimo PSR 2021/27. Gli otto Comuni hanno concordato di organizzare la prossima riunione a San Gemini entro fine luglio, per poi poter mettere a punto l’ATS e presentarla a tutti i soggetti interessati già nel prossimo mese di settembre.

(Nella foto di copertina, un’immagine della riunione di ieri a Cesi – Chiesa di Sant’Agnese)

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments